Messalino di Lunedì 20 Dicembre

Messalino di Lunedì 20 Dicembre

 

Dal libro del profeta Isaia (7,10-14)

In quei giorni, il Signore parlò ad Àcaz: «Chiedi per te un segno dal Signore, tuo Dio, dal profondo degli inferi oppure dall’alto». Ma Àcaz rispose: «Non lo chiederò, non voglio tentare il Signore».
Allora Isaìa disse: «Ascoltate, casa di Davide! Non vi basta stancare gli uomini, perché ora vogliate stancare anche il mio Dio? Pertanto il Signore stesso vi darà un segno. Ecco: la vergine concepirà e partorirà un figlio, che chiamerà Emmanuele».

* Il piano di Dio si realizza nonostante l’incredulità di Acaz. Per dimostrare che è Lui a condurre avanti tutto, il Signore dà un segno.

 

Salmo Responsoriale (dal Sal 23)
Ecco, viene il Signore, re della gloria.

Del Signore è la terra e quanto contiene:
il mondo, con i suoi abitanti.
È lui che l’ha fondato sui mari
e sui fiumi l’ha stabilito.

Chi potrà salire il monte del Signore?
Chi potrà stare nel suo luogo santo?
Chi ha mani innocenti e cuore puro,
chi non si rivolge agli idoli.

Egli otterrà benedizione dal Signore,
giustizia da Dio sua salvezza.
Ecco la generazione che lo cerca,
che cerca il tuo volto, Dio di Giacobbe.

 

Canto al Vangelo
Alleluia, alleluia. O Chiave di Davide, che apri le porte del Regno dei cieli: vieni, e libera l’uomo prigioniero che giace nelle tenebre. Alleluia.

Dal Vangelo secondo Luca (1,26-38)

Al sesto mese, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te».
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».
Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.

* Questo Vangelo segna il punto culmine, il vertice della storia dell’umanità. Dio si è fatto uomo.

 

Spunti di Riflessione

«Come avverrà questo»
«Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Qual è il significato della domanda di Maria? Nonostante le numerose e ingegnose elucubrazioni di alcuni esegeti per interpretare la domanda di Maria, il significato più naturale resta che Maria voleva notificare il suo voto di verginità. Una giovane fidanzata non ha alcun motivo di meravigliarsi se le si preannuncia la nascita di un figlio; ma la risposta di Maria sarebbe incomprensibile se non intendesse questo suo proposito di verginità. Le parole della Vergine: “Poiché non conosco uomo”, vanno prese in senso assoluto; escludono tanto il futuro come il presente; esprimono il proposito di Maria di rimanere vergine.
Ecco il “sì” di Maria, che fa parallelo con il “fiat” della creazione: «Sia la luce. E la luce fu». In quei due “sì” si bilancia tutto l’universo: il “sì” della creazione, “fiat lux” e il “sì” di Maria nell’Incarnazione: «Eccomi». Un bimbo di nove anni, facendo la prima comunione ha capito questo segreto di Maria e ha detto una frase potente:  «La più bella parola che si possa dire a Dio è si!». Il sì di Maria.

 

La Parola per me, Oggi

«Nulla è impossibile a Dio». Questa frase che fonda la fede incrollabile di Maria, ci lanci come Lei nella stupenda avventura dell’abbandono. È proprio lì dove le nostre povere mani di uomini non possono più far nulla, dove tutte le porte sembrano sbarrate, che può fare irruzione nella nostra vita l’“impossibile” di Dio che supera tutte le nostre attese. Ripetiamo oggi questa frase, rimettendo con fiducia nelle mani di Dio le situazioni “chiuse” della nostra vita.

 

La Parola si fa Preghiera

Eri là, Maria,
nell’ora che Dio aveva fissato,
tutta disponibile, tutta donata.
Donaci la tua fede
affinché prepariamo i nostri cuori
al dono che fa il Padre.

 

Condividi su: Facebook Twitter Google Plus